mercoledì 7 dicembre 2022

«Il Paradiso esiste!»

 L’oltretomba non è più un mistero, dopo la scoperta dell’equipe di ricerca della Boston University guidata dal prof. John Katson.

“Tutto confermato ciò che da secoli sostengono i religiosi, riguardo la buona condotta che ci permette di avere un aldilà felice”, afferma il ricercatore “Il contrappasso senza pesi sulla coscienza ci assicura un eterna beatitudine.”
Immediatamente, la ricerca farmacologica ha messo a punto un prodotto in grado di liberare l’anima da ogni peso superfluo, assicurando a tutti un sereno eterno riposo.
"Questa è una notizia divina", ha esordito Papa Francesco II, "perché risparmierà molto lavoro ai nostri sacerdoti, fra confessioni ed estreme unzioni"
Il farmaco miracoloso è prodotto dalla Pfizer ed è già in commercio negli USA, in Canada e nel Regno Unito, ma l'Ema ci assicura che prestissimo sarà disponibile in tutti i paesi del mondo.
Entusiasmo anche da parte del noto Monaliza Dumbmann, primo rabbino trans di Las Vegas: "Noi ebrei da sempre sosteniamo che nell'aldià esiste solo il Paradiso. Adesso questa sarà una certezza in più anche per chi non crede."
Il prodotto della Pfizer è registrato come Eutanax 2032. Si tratta di 3 compresse da assumere a distanza di 8 ore, in modo che ci si possa attivare al trapasso con un totale di 24 ore di tempo. Le prime due facilitano il raggiungimento della serenità, la terza dona un dolce trapasso. Il produttore ne sconsiglia l'uso dopo i 70 anni, ma non pone alcun limite minimo di età.

giovedì 13 ottobre 2022

Il carrozzone ONU condanna l'autodeterminazione dei popoli

Un testo surreale presentato dal Grande Carrozzone da sempre al servizio degli USA, con ben 143 voti favorevoli, 35 astensioni e solo 5 contrari.

Ovviamente, a favore anche l'Italia, che schiava di Washington la NATO la creò.

E non poteva mancare anche il voto favorevole di Israele altro Stato, nato libero e democratico con la Dichiarazione d'Indipendenza del 1948 e oggi prono al volere della Grande Lobby Mondialista.

Fa davvero pena vedere lo stato ebraico uniformarsi al voto di quella stessa ONU che contro Israele ha emesso centinaia di risoluzioni di condanna, condannando la sua stessa esistenza! 

Mi fa veramente schifo vedere i rappresentanti di Israele  leccare il culo all'ONU, leccare il culo agli USA, leccare il culo alle lobby che vogliono la scomparsa dello stato ebraico!

Quelle lobby mettono sempre in mostra i propri "ebrei da giardino" e, per dimostrare che non odiano Israele, ci presentano il "visionario" Yuval Noah Harari coi suoi deliri, o addirittura l'antisemita George Soros, benefattore della Open Society!





...

Prendendo atto della dichiarazione resa dal Segretario Generale il 29 settembre 2022 in cui ricordava che qualsiasi annessione del territorio di uno Stato da parte di un altro Stato derivata dalla minaccia o dall'uso della forza costituisce una violazione dei principi della Carta e del diritto internazionale,

1. ribadisce il suo impegno per la sovranità, l'indipendenza, l'unità e l'integrità territoriale dell'Ucraina entro i suoi confini internazionalmente riconosciuti, che si estendono alle sue acque territoriali;

2. condanna il fatto che la Federazione Russa ha organizzato “referendum” illegali nelle regioni all'interno dei confini internazionalmente riconosciuti dell'Ucraina e il tentativo di annessione illegale delle regioni ucraine di Donetsk, Kherson, Lugansk e Zaporož'e dopo aver organizzato i suddetti referendum;

3. Dichiara che gli atti illeciti della Federazione Russa rispetto ai cosiddetti “referendum”, di per sé illegali, si sono svolti dal 23 al 27 settembre 2022 in alcune parti delle regioni ucraine di Donetsk, Kherson, Luhansk e Zaporož'e che sono o sono state in parte sotto il controllo militare temporaneo della Federazione Russa, e il conseguente tentativo di annessione di tali regioni, contrariamente alla legge, non hanno validità ai sensi del diritto internazionale e non servono come base per modificare in alcun modo lo status da quelle regioni dell'Ucraina;

4. Invita tutti gli Stati, le organizzazioni internazionali e le agenzie specializzate delle Nazioni Unite a non riconoscere alcun cambiamento nello status di alcune o tutte le regioni di Donetsk, Kherson, Luhansk o Zaporož'e dell'Ucraina da parte della Federazione Russa e ad astenersi di qualsiasi atto od operazione che possa essere interpretato come un riconoscimento di tale stato modificato;

5. Chiede che la Federazione Russa revochi immediatamente e incondizionatamente le sue decisioni del 21 febbraio e del 29 settembre 2022 sullo status di alcune aree delle regioni ucraine di Donetsk, Kherson, Luhansk e Zaporož'e, in quanto costituiscono una violazione dell'integrità territoriale e della sovranità dell'Ucraina e sono incompatibili con i principi della Carta delle Nazioni Unite, e di ritirare immediatamente, completamente e incondizionatamente tutte le sue forze militari dal territorio dell'Ucraina nell'ambito delle sue riconosciute frontiere a livello internazionale;

6. accoglie con favore gli sforzi delle Nazioni Unite, degli Stati membri e delle organizzazioni umanitarie nella risposta alla crisi dei rifugiati e umanitaria;

7. accoglie favorevolmente ed esprime il suo forte sostegno ai continui sforzi del Segretario generale e degli Stati membri e invita gli Stati membri e le organizzazioni internazionali, compresa l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa e altre organizzazioni internazionali e regionali, a sostenere la de-escalation della situazione attuale e una risoluzione pacifica del conflitto attraverso il dialogo politico, la negoziazione, la mediazione e altri mezzi pacifici, nel rispetto della sovranità e dell'integrità territoriale dell'Ucraina entro i suoi confini internazionalmente riconosciuti e in conformità con i principi della Carta;

8. Decide di aggiornare temporaneamente l'undicesima sessione straordinaria d'urgenza dell'Assemblea Generale e di autorizzare il Presidente dell'Assemblea Generale a riprendere le sue riunioni su richiesta degli Stati membri.


(Il testo integrale in sei lingue, qui: DOCUMENTO ONU)


------------------------------------------------------------------------------------------

Сюрреалистический текст, представленный Большим Караваном, всегда на службе США, со 143 голосами за, 35 воздержавшихся и только 5 против.

Очевидно, тоже Италии в пользу, которая была создана НАТО как слуга Вашингтона.

(перефразируя итальянский гимн, который гласит: che schiava di Roma Iddio la creò, которая была создана Богом как слуга Рима.)

Не могло не быть и положительного голосования Израиля, другого государства, родившегося свободным и демократическим с Декларацией независимости 1948 года и сегодня подчиняющегося воле Великого мирового лобби.

Очень больно видеть, как еврейское государство соглашается с мнением той самой ООН, которая приняла только осуждающие резолюции против Израиля, осуждая само его существование!

Мне действительно хреново видеть, как представители Израиля лижут задницу в ООН, лижут задницу США, лижут задницу лоббистам, которые хотят исчезновения еврейского государства!

Эти лобби всегда хвастаются своими "садовыми евреями", чтобы показать что они не ненавидят Израиль, и представляют нам "провидца" Юваля Ноя Харари с его бредом или даже антисемита Джорджа Сороса, благодетеля Open Society!

...

ссылаясь на заявление Генерального секретаря от 29 сентября 2022 года, в 
котором он напомнил, что любая аннексия территории государства другим государством в результате угрозы силой или ее применения является нарушением принципов Устава и международного права,

1. вновь подтверждает свою приверженность суверенитету, независимости, единству и территориальной целостности Украины в пределах ее международно признанных границ, включая ее территориальные воды;  

2. осуждает организацию Российской Федерацией незаконных так называемых референдумов в регионах, находящихся в пределах международно признанных границ Украины, и попытку незаконной аннексии Донецкой, Запорожской, Луганской и Херсонской областей Украины после организации вышеупомянутых референдумов;

3. заявляет, что противоправные действия Российской Федерации в отношении незаконных так называемых референдумов, проведенных 23–27 сентября 2022 года в Донецкой, Запорожской, Луганской и Херсонской областях Украины, которые частично находятся или находились под временным военным контролем Российской Федерации, и последующая попытка незаконной аннексии этих областей не имеют юридической силы в соответствии с международным правом и не являются основанием для какого-либо изменения статуса этих областей Украины;  

4. призывает все государства, международные организации и специализированные учреждения Организации Объединенных Наций не признавать изменение Российской Федерацией статуса любой из или всех в совокупности Донецкой, Запорожской, Луганской и Херсонской областей Украины и воздерживаться от любого рода действий или шагов, которые можно было бы истолковать как признание любого такого измененного статуса, 

5. требует от Российской Федерации немедленной и безоговорочной отмены своих решений от 21 февраля и 29 сентября 2022 года, касающихся статуса отдельных районов Донецкой, Запорожской, Луганской и Херсонской областей Украины, поскольку они являются нарушением территориальной целостности и суверенитета Украины и идут вразрез с принципами Устава Организации Объединенных Наций, а также немедленного, полного и безоговорочного вывода всех своих вооруженных сил с территории Украины в пределах ее международно признанных границ;

6. приветствует усилия Организации Объединенных Наций, государств-членов и гуманитарных организаций по реагированию на гуманитарный 
и беженский кризисы;

7. приветствует и решительно поддерживает непрекращающиеся усилия Генерального секретаря и государств-членов и призывает государствачлены и международные организации, включая Организацию по безопасности и сотрудничеству в Европе и другие международные и региональные организации, поддержать деэскалацию сложившейся ситуации и мирное разрешение конфликта путем политического диалога, переговоров, посредничества и использования других мирных средств в знак уважения суверенитета и территориальной целостности Украины в пределах ее международно признанных границ и в соответствии с принципами Устава; 

8. постановляет временно прервать работу одиннадцатой чрезвычайной специальной сессии Генеральной Ассамблеи и уполномочить Председателя 
Генеральной Ассамблеи возобновить ее заседания по требованию государствчленов

giovedì 6 ottobre 2022

Alla Pugaciova

L'anziana signora in foto si chiama Алла Пугачёва, che in Italiano si dice Alla Pugaciòva. E' una cantante russa che ha vinto diversi premi ed è stata ospite a Sanremo nel 1987.




In quest'altra foto, l'anziana signora è in compagnia dell'uomo che ha sposato nel 2011, un comico sfigato di 27 anni più giovane di lei, che si chiama Максим  Галкин, si pronuncia Maxìm Gàlkin. 

Maxìm Gàlkin è il quinto marito dell'anziana signora.




E' il presentatore di Лучше всех "il migliore di tutti", la trasmissione in cui i bambini prodigio mostrano le loro grandi capacità.





Lui è di madre ebrea e Alla Pugaciova è ricca: mettendo insieme le due cose, hanno furbamente deciso di prendere la cittadinanza israeliana, approfittando delle leggi demenziali di quel paese, che regalano la cittadinanza a cani e porci.




Nel 2013, prendono in affitto un utero, molto probabilmente in Ucraina, e fanno mettere al mondo una coppia di gemelli di cui sono genitori naturali, uno maschio e una femmina, che chiamano rispettivamente 
Гарри ed Елизавета, traslitterato Harry ed Elisaveta.




Cosa succede oggi?

Succede che l'anziana signora diventa finalmente famosa anche per chi non l'aveva mai sentita nominare, perché si schiera contro la Russia che, a suo dire, dovrebbe piegarsi al volere dello pseudo-occidente, abbandonare al loro triste destino di discriminazione e cancellazione etnica gli Ucraini di lingua russa, smettere di fare concorrenza agli USA sulla disponibilità di energia e arrendersi, per consegnare il mondo intero alla Grande Lobby.

Ovviamente lo dice col culo al caldo, fra un bagnetto nel Mar Rosso e una liposuzione in un lussuoso resort di Eilat.

domenica 2 ottobre 2022

Ma davvero è una bufala quello che dicono sul discorso di Irene Montero?

I siti anti-bufala starnazzano all'unisono, affermando che la ministra spagnola della parità, Irene Montero, non avrebbe mai detto nulla di inquietante, nessuna spianata alla strada della pedofilia, e che il male sarebbe solo nelle orecchie di chi vuol sentirlo.

Propongo di ascoltare cosa dice dalla sua viva voce, riportata senza tagli in un questo brevissimo video. Segue il testo in lingua originale e la sua fedele traduzione in Italiano.





«Sino para hablar de educación sexual, por ejemplo, que es un derecho de los niños y de las niñas -señoría- independientemente de quiénes sean sus familias. Porque todos los niños, las niñas, les niñes de este país tienen derecho, tienen derecho a conocer su propio cuerpo, a saber que ningún adulto puede tocar su cuerpo si ellos no quieren, si ellos no quieren, y que eso es una forma de violencia. Tienen derecho a conocer que pueden amar o tener relaciones sexuales con quien les dé la gana, basada -es eso sí- en el consentimiento y eso son derechos que tienen reconocidos, y que ustedes no les gusta.»

Traduzione:

«Ma per parlare di educazione sessuale, per esempio, che è un diritto di bambini e bambine -vostro onore- a prescindere da chi siano le loro famiglie. Perché tutti i bambini, le bambine, 
ə bambinə  in questo paese hanno il diritto, hanno il diritto di conoscere il proprio corpo, di sapere che nessun adulto può toccare il loro corpo se loro non vogliono, se loro non vogliono, e che questa è una forma di violenza. Hanno il diritto di sapere che possono amare o avere rapporti sessuali con chi vogliono, sulla base -questo sì- del consenso e che sono diritti che devono essergli riconosciuti, e che a voi non piacciono».


Ma cosa si intende per niño, in Castigliano? Leggiamolo:

Un niño es un ser humano que está viviendo la etapa (niñez) desde el nacimiento hasta el inicio de la pubertad. La palabra niño procede de ninno, ninnus, o sea, nene, chico, que es una voz onomatopéyica muy típica del lenguaje infantil, la cual fue tal vez adoptada por la población adulta.
Del castellano antiguo ninno, y este del latín vulgar nīnnus, meramente expresiva, presumiblemente de los balbuceos infantiles.



(Un bambino è un essere umano che vive la fase (l'infanzia) dalla nascita all'inizio della pubertà. La parola bambino deriva da ninno, ninnus, cioè bambino, ragazzo, che è una voce onomatopeica molto tipica del linguaggio dei bambini, forse adottata dalla popolazione adulta.
Dall'antico castigliano ninno, e questo dal latino volgare nīnnus, semplicemente espressivo, presumibilmente dal balbettio dei bambini.)

Insomma, secondo il ministro spagnolo, un essere umano di età compresa fra zero e dieci-dodici anni può dare il suo consenso a essere toccato e ad avere rapporti sessuali anche con adulti, perché -ricordiamolo- 
nessun adulto può toccare il loro corpo se loro non vogliono. Questo vuol dire che può farlo se loro vogliono. 

Forse la signora non sa che il pedofilo tipo è molto bravo a far sì che il bambino dia il suo consenso. Forse la signora non sa che per poter dare un consenso è necessario essere adulti. Certo, in Spagna è passata la legge che abbassa l'età del consenso per fare sesso (anche con adulti di età non specificata!) a 16 anni. Ecco perché non riescono più a cogliere il nesso fra quelle parole e l'incentivo alla pedofilia.

 


venerdì 30 settembre 2022

Imma Tataranni, indottrinamento di regime 2.0

Puntata del 29 settembre 2022

Un cacciatore crede di sparare a un uccello, invece è un drone esplosivo.

Un sarto sessantenne, omosessuale cattolico praticante di origine irlandese, viene trovato morto seduto davanti alla chiesa.

Un agente segreto americano, sessantenne omosessuale, è l'amante del sarto.

Il sarto è stato ucciso dalle spie russe per fare un torto all'agente segreto americano (notare la differenza: agente segreto americano=buono; spie russe=cattivo)

Perché le spie russe si trovavano in Basilicata?
Ma perché lì c'è il petrolio, che domande!

Poi ci sono i figli di Imma Tataranni, sostituto procuratore, e di Alessandrto Vitali, procuratore capo: bravi ragazzi, perciò fanno volontariato nel centro di accoglienza. Uno è doppiamente bravo perché è nero e adottato. Trovano la marijuana a casa della nonna di lei e la fumano, ma non c'è niente di strano o di irregolare e, anzi, la nonna aveva la marijuana perché fa bene alla salute.

Uno dei ragazzi richiedenti asilo è molto bello e si è prostituito una decina di volte con il bravo agente segreto americano.

Ovviamente, tutti gli uomini eterosessuali sono patetiche macchiette, una più ridicola dell'altra. Tutt'altra cosa sono la caratura morale e il carattere dell'agente segreto americano, che avrebbe voluto rinunciare all'amore per non mettere in pericolo la vita del suo amato, ma non ha fatto in tempo perché le spie russe, crudeli assassine, sono arrivate prima di lui. Lui però continuerà la sua missione per difendere la libertà e la democrazia nel mondo.




martedì 30 agosto 2022

Michail Finkel parla del regime nazista di Kiev sulla TV israeliana

 Il politologo israeliano, dottore in giurisprudenza, esperto di relazioni internazionali Mikhail Finkel - su un canale televisivo israeliano in lingua russa: 36 volte sotto Zelensky solo l'Ucraina ha votato contro Israele all'ONU.


«I suoi eroi sono Petlyura, che ha ucciso 200mila ebrei, Shukhevych uomo delle SS, Bandera, Yaroslav Stetsko, che ha detto che tutti gli ebrei devono essere distrutti, Khmelnitsky, che ha ucciso 300mila ebrei.

Ogni anno a Kiev c'era una parata della divisione SS "Galizia". E il nostro ministero degli Esteri ha protestato contro questo. Sono feccia! E' un regime neonazista de jure. Metà della mia famiglia è stata uccisa nel pogrom dai banderisti e petliuristi.

Questi sono gli eroi dell'Ucraina: hanno eretto monumenti per loro, hanno intitolato strade a loro nome.

Questa non è propaganda russa. Queste le parole del ministero degli Esteri israeliano. Abbiamo detto molte volte che il nostro ambasciatore a Kiev ha affermato che Bandera non è un eroe, ma un criminale.

Nello Yad Vashem c'è scritto, come si può vedere, "collaboratore nazista e un criminale". L'Ucraina ha bisogno di pentirsi.

Non sto giustificando la guerra ora. Sono contrario alla guerra. Sono contro la sofferenza in una vita pacifica. Ma si devono glorificare gli assassini del mio popolo, della mia famiglia. E non è il caso di litigare con un paese enorme le cui basi militari sono in Siria che, se costretto, può decidere di metterci contro Hezbollah, Gaza, Siria, Giordania e molti altri arabi con un clic.