domenica 18 febbraio 2018

Siete voi i nuovi schiavisti

Domanda: vi sta bene che delle persone vengano prelevate dalle loro vite, seppur sgangherate, e catapultate qui in Europa dove non hanno niente e nessuno, dove magari adesso soggiornano in albergo ma, in un futuro molto vicino, nel migliore dei casi troveranno i "caporali" che li sceglieranno all'alba per andare a buttare il sangue nei campi, in cambio di una misera paga?
E a cosa servirebbe tutto ciò?
A pagarci pensioni che mai prenderemo?
Perché faranno i lavori che non non faremmo gratis?


Se tutto ciò vi sta bene e non fate nulla per impedirlo, o addirittura siete contenti, allora siete voi i nuovi schiavisti. La Storia se ne ricorderà e vi presenterà il conto!

martedì 26 dicembre 2017

Par exemple, la France n'est pas un vrais pays

La Francia presto non sarà più considerato un paese vero da una grossa fetta dei suoi abitanti. Allora si comincerà a parlare di "Gallia occupata illegalmente dai Francesi". L'UNESCO confermerà questa tesi e vi saranno risoluzioni ONU atte a delegittimare il governo abusivo di Parigi. I Francesi potranno rimanere sul suolo gallico solo a patto che accettino la conversione all'islam o paghino la jiziya.





sabato 16 dicembre 2017

Orang Rimba: devastazione della foresta e conversione forzata all'islam

Mentre il mondo idiota si straccia le vesti in sostegno del finto popolo palestinese o dei Rohingya...

In Indonesia, nel sud dell'isola di Sumatra vive una popolazione chiamata Orang Rimba, il cui nome significa appunto Popolo della Foresta. Da qualche anno questa foresta è stata presa di mira dal governo di Giacarta, per farne un'immensa coltivazione di palme da olio. Di conseguenza, il Popolo della Foresta sta perdendo giorno dopo giorno pezzi sempre più grandi della sua "casa".

Come se non bastasse, è stata messa in atto anche un'opera di conversione forzata all'islam di tutta la popolazione Orang Rimba. Due crimini contro l'umanità in un solo colpo.

Qui sotto, propongo alcune foto pubblicate dalla BBC. Per approfondire l'argomento, consiglio di leggere l'intero articolo qui:
 http://www.bbc.com/news/world-asia-41981430

DIMENTICAVO: QUESTO ARTICOLO DELLA BBC, SE CONDIVISO SU FACEBOOK, VIENE RIMOSSO, IN QUANTO OFFENSIVO DELLA SENSIBILITA' DEGLI ISLAMISTI.












venerdì 15 dicembre 2017

Quella fogna chiamata facebook

Stamattina è accaduta una cosa molto inquietante: ho aperto il facebook dal telefonino e come prima cosa mi si è piazzata davanti una videata in cui mi si chiedeva di annullare il "mi piace" a due pagine su Israele. Ovviamente ho chiuso e sono andato avanti.

Subito dopo, quando ho aperto poi facebook dal computer, ho trovato che il mio account era stato bloccato per 7 giorni, poiché diversi giorni fa ho postato una notizia scomoda riguardante le conversioni forzate all'islam, che stanno avvenendo in Indonesia a danno di una minoranza etnica.

NOTIZIA FONTE BBC, NON FAKE NEWS!
http://www.bbc.com/news/world-asia-41981430  







Così ho pubblicato sull'account Momo Vedim un post in cui dico di essere stato bloccato, riportando poi nei commenti il link all'articolo della BBC
https://www.facebook.com/momo.vedim/posts/1495163957185950 

Dopo neanche un minuto sono stato bloccato per 7 giorni anche lì, ma non è stato rimosso né il post né il commento con il link. E stavolta, sapete perché mi hanno bloccato? perché l'articolo della BBC secondo loro conteneva nudità!



martedì 25 luglio 2017

Camorland

Andiamo alla scoperta della nuova stazione ferroviaria dei treni veloci di Napoli, l'avveniristica opera dell'iraniana Zaha Hadid. Sì, perché noi i grandi capolavori li facciamo progettare sempre da stranieri, così come il meraviglioso Centro Direzionale di Kenzo Tange.


Nell'immagine, la Stazione TAV Napoli-Afragola, come appare nel progetto

Per arrivarci a piedi 
dal centro di Napoli ci vorrebbero non meno di tre ore a passo sostenuto... quando per Firenze bastano due ore e mezza con Italo! Ovviamente, si opta per l'auto. Traffico permettendo, ci metteremo una mezz'oretta, secondo il navigatore.



Disgraziatamente, a un certo punto, fra lunghe strade contornate di immondizia e infinite rotonde inutili con una sola uscita vera, ci ritroviamo davanti dei lavori in corso e una bella interruzione che ci costringe a una deviazione nel mondo inesplorato dell'hinterland campano!



Riprogrammiamo il navigatore e, con appena mezz'ora di ritardo sul previsto, raggiungiamo la stazione, però... SORPRESA! Il parcheggio è sotto sequestro. Così facciamo come fanno tutti: parcheggiamo la macchina nello strato di monnezza che contorna il bordo della strada.

Dopo qualche centinaio di metri a piedi, arriviamo alla grande scalinata che dà accesso a quel capolavoro, ma, ahimé ci tocca prendere delle scale mobili per salire in alto, poi ci tocca fare altri 300 metri nei corridoi deserti, costellati di improbabili taniche con acqua e bicchieri di plastica lasciati lì a disposizione dei passanti, in stile IGIENE ZERO. Dopo i suddetti 300 metri, ci sono di nuovo le scale mobili che riportano in basso, vicino al binario. I binari di fermata sono solo due, uno verso nord e l'altro verso sud. Fra questi, ci sono gli altri due binari di passaggio. Insomma, tutto 'sto casino per 4 miseri binari!? Inutile aggiungere che tutta l'opera è caratterizzata da pessime lavorazioni e tutt'intorno è solo squallore.

Non so perché, ma mi viene da piangere: questo immenso mostro, tanto brutto quanto inutile, sputato nel nulla fra rifiuti tossici e roghi perenni, è il simbolo della VITTORIA DELLA CAMORRA.


mercoledì 11 gennaio 2017

B'tselem?

B'tselem?
Lo, todà... Anì ma'addif b'tselim!

B'tselem? No, grazie... preferisco le cipolle (b'tselim)